Convertitore cifre e numeri arabi in numerali romani

Le ultime conversioni in numeri romani

5 = V 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
3 = III 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
32 = XXXII 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
5.035 = (V)XXXV 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
5.958 = (V)CMLVIII 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
25 = XXV 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
137.810 = (C)(X)(X)(X)(V)MMDCCCX 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
2.015 = MMXV 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
1 = I 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
9 = IX 27 mar, 22:24 UTC (GMT)
numeri convertiti, vedi altro...

Il gruppo dei simboli di base nella scrittura romana

Le cifre (i numeri, i numerali) romane importanti, simboli sulla base dei quali si costruiscono il resto dei numeri nella scrittura romana, sono:
  • 1 = I (uno); 5 = V (cinque); 10 = X (dieci); 50 = L (cinquanta); 100 = C (cento); 500 = D (cinquecento); 1.000 = M (mille)
  • (*) 5.000 = (V) (cinquemila); (*) 10.000 = (X) (diecimila); (*) 50.000 = (L) (cinquantamila); (*) 100.000 = (C) (centomila); (*) 500.000 = (D) (cinquecentomila); (*) 1.000.000 = (M) (un milione)

(*) Il numero segnato in questo modo era già scritto con una barra sopra, oppure scritto tra due barre verticali; abbiamo preferito la scrittura tra parentesi perché è più accessibile all'utilizzatore di computer.

All'inizio, i romani non utilizzavano numeri più grandi di 3.999, non avendo una rappresentazione per i numeri 5.000, 10.000, 50.000, 100.000, 500.000, 1.000.000. Essi sono stati aggiunti più tardi e per loro utilizzavano varie annotazioni, non necessariamente quelle sopra. CosI, all'inizio, il numero massimo che poteva essere scritto con i numeri romani era: MMMCMXCIX (3.999).

Regole di scrittura per i numerali romani